Oggi vi presentiamo il nostro Toscana IGT Massaia, il rosato di Viticcio dalla spiccata freschezza e dagli aromi di fragoline di bosco: un vino che, consumato giovane, sprigiona tutta la sua freschezza e mineralità, facendosi amare per il suo gusto vibrante e intenso, sempre beverino.

La nuova annata di Massaia

Il Massaio 2017 è stato ottenuto da uve selezionate a Greve in Chianti. Uve biologiche, 50% Sangiovese, 50% Syrah vinificate in bianco, provenienti da vigneti giovani, ubicati vicino al corpo aziendale di Viticcio. I grappoli per il Massaia sono ottenuti dalla prima selezione in vendemmia, che privilegia la freschezza e la buona acidità contenuta nei grappoli. La vendemmia avviene, avvenuta l’ultimo giorno di agosto. Il raccolto viene subito mandati alla pressa dove, a basse temperature, viene pigiato.

Vinificazione

Dopo la pigiatura, solo il vino fiore – ovvero quella parte di mosto che, all’atto della pigiatura si separa dalla massa attraverso la sgrondatura – viene travasato nelle botti di acciaio dove fermenta a basse temperature (circa 12°), per circa un mese. In seguito, il vino affina sulle fecce per altri sei mesi, senza svolgere la malolattica.

Alcune note organolettiche

Il Massaia 2017 si presenta di un colore rosa acceso, dovuto alla presenza di Syrah, uva ricca di antociani. In bocca entra sempre piacevole e fresco, svelando i suoi sentori di fragoline di bosco. Un palato sempre minerale, sapido, che invoglia ad un altro sorso, con ricordi di buccia di agrumi verdi (tipo lime) e frutta tropicale. Un vino dotato di un’ottima acidità e buona struttura.

Suggerimenti di consumo

La freschezza del Massaia 2017 lo rendono un ottimo vino da aperitivo. Si abbina perfettamente agli antipasti: affettati freschi e formaggi giovani, ad esempio.

Ottime affinità anche con il pesce, anche in salsa di pomodoro. Noi di Viticcio amiamo abbinarono al caciucco alla livornese!