La nostra bella regione non perde il suo fascino neanche d’inverno e per Capodanno offre ai suoi visitatori moltissimi eventi e concerti tra cui scegliere.

Da Siena dove Piazza del Campo ospiterà il concerto della folk band italiana i Bandabardò a Livorno dove la suggestiva Terrazza Mascagni accoglierà il Countdown Party organizzato da Radio Stop con Ivana Spagna.

Se siete alla ricerca di un evento più alternativo potete scegliere tra Pisa, che aprirà le sue porte all’orchestra itinerante di musiche balcaniche “Zzzzingheri di Maremma” Zastava Orkestar e Prato che per l’occasione si trasformerà in un palco a cielo aperto con diverse band e deejay che faranno da cornice al concerto principale in piazza San Francesco in cui si esibiranno il gruppo alternative/funk Piqued Jacks & la band electro/swing Swingrowers.

La medievale Lucca invece animerà l’ultima sera dell’anno con Luca Maffei, la Band Gold 5, il cantante G Tune e il coreografo Stefano Bellina con il suo corpo di ballo.

 

Se infine preferite aspettare il 2018 nella culla del rinascimento italiano, la nostra bella Firenze non vi deluderà.

Il nostro affascinante capoluogo accoglierà il nuovo anno con una serie di eventi in cinque luoghi  ognuno dei quali avrà un proprio tema.

A partire dal concerto pop in piazzale Michelangelo con artisti come Morgan, al concerto di musica classica in piazza Signoria diretto dal maestro Giuseppe Lanzetta, installazioni sonore e luminose in piazza Santissima Annunziata, laboratori e iniziative per le famiglie ed i bambini in piazza Bartali a Gavinana e marching band in stile New Orleans in Oltrarno.

Vasta anche la scelta di spettacoli teatrali: il Teatro Verdi per aspettare Capodanno propone il musical Grease, il Puccini il comico Paolo Migone. E ancora Drusilla Foer al Niccolini, “Mariti e Mogli” con Monica Guerritore e Francesca Reggiani alla Pergola, “La briscola in cinque” al Teatro di Rifredi.

 

Tantissime offerte in un’unica regione che lasciano l’imbarazzo della scelta

Il nostro consiglio? Non importa dove siate, l’importante è festeggiare con classe sorseggiando un buon calice di Viticcio